AVVERTENZE PER I LETTORI

POP, LURE & JIG, TRAVEL and LURE BUILDING

mercoledì 15 dicembre 2010

TERMINALI IN ACCIAIO

Necessità frequente, pescando in alcuni luoghi, è quella di munire l'ultimo tratto della nostra lenza di un breve segmento d'acciaio; questo per fare fronte, tanto nel jigging che nella pesca di superficie, alle dentature impietose di alcuni predatori come squali, barracuda, kingfish e wahoo che possono essere sia oggetto della nostra pesca sia rapinatori d'occasione dei nostri artificiali. Purtroppo spesso tale "appesantimento" visivo risulta in un calo delle abboccate, decisione quindi da ponderare bene di volta in volta. Per ridurre al minimo la visibilità del nostro bite tippet io mi sono da tempo orientato sul piano wire, ovvero sul monocavo d'acciaio; esso offre il minor profilo possibile a parità di tenuta rispetto ad altre soluzioni metalliche; richiede qualche cautela nell'uso, come ad esempio la sostituzione in caso di pieghe secche che lo snervano subito e una connessione particolare chiamata haywire twist.
Le caratteristiche tecniche le troviamo ad esempio sul sito della American Fishing Wire, uno dei produttori più noti:


Solitamente utilizzo misure dal 4 per la pesca leggera al 10 per il jigging pesante e per la lunghezza cerco di mantenermi il più corto possibile, partendo da 10 cm per la pesca con minnow a barracuda sulle flats a circa 25 cm per jiggare in presenza di squali.


Alle estremità connetteremo una girella di provata qualità ma ridotto ingombro per l'unione al terminale in nylon, e dall'altra parte un solid ring di taglia opportuna completato da uno split ring per la sostituzione rapida degli artificiali.

Di seguito la realizzazione del "nodo":

                                     Partiamo coi componenti


Realizziamo un occhiello tondo....


... e iniziamo ad avvolgere i due capi vicendevolmente...


...per 6-8 spire...


... a seguire, col capo libero effettueremo degli avvolgimenti attorno al madre a 90°...


... effettuati 4 o 5 giri a bloccare, realizziamo una "maniglietta" che ci servirà per ruotare il rimanente con lo scopo di spezzarlo...


... l'acciaio spezzato ci lascerà privi di spuntoni taglienti pericolosi che avremmo invece con la tranciatura...


...lo stesso faremo all'estremità opposta...


... e dopo avere inserito lo split ecco pronto il terminalino...


Consiglio di averne sempre pronti un pochi a portata di mano dato che la sostituzione in pesca può essere frequente.


Nessun commento:

Posta un commento